Salute & infrarosso

Sauna, cabina a calore / infrarossi

Se nell’area wellness o a casa si parla di un trattamento termico completo, si pensa soprattutto a sauna, bagno turco e cabina a infrarossi.

Oggi viene offerta una serie di trattamenti del corpo completi, che si differenziano soprattutto in riferimento alla temperatura ambiente, all’umidità dell’aria, al tempo di applicazione consigliato e al rapporto tra apporto di calore per convezione (aria) e radiazione infrarossa. Di conseguenza, le sollecitazioni per il sistema cardiocircolatorio vanno valutate in modo molto diverso a seconda dei casi.

I trattamenti del corpo completi possono, detto semplicemente, avere due diversi principi od obiettivi:

Da un lato, i trattamenti stimolanti secondo il sistema kneipp (sauna finlandese, biosauna, tradizionale cabina a infrarossi), dall’altro i trattamenti riscaldanti (cabine a infrarossi a bassa temperatura, terapia WAON). La differenzia risiede nel tipo di reazione di termoregolazione che si innesca nel corpo.

Trattamenti stimolanti

I trattamenti in sauna (sauna classica, biosauna, tradizionale cabina a infrarossi o bagno turco) vengono eseguiti in genere a temperature ambiente tra circa 50 e 90 °C, quindi sempre sopra la zona termica neutra. L’apporto di calore avviene a seconda della struttura e della tipologia per il 50 - 70% attraverso l’aria riscaldata e per il 30 - 50% attraverso la radiazione infrarossa.

Lo scopo della sauna e simili non è quello di riscaldare il corpo (nucleo centrale e guscio periferico), ma di innescare un effetto stimolante più o meno intenso sul sistema neurovegetativo e sulla cute. Un aspetto essenziale è in questo caso il passaggio tra caldo e freddo. In tal modo, sulle zone di riflesso cutanee vengono esercitati degli stimoli, con cui sono possibili effetti stimolanti sugli organi interni (principio Kneipp).

Nei trattamenti del corpo completi che seguono questo concetto di base, con un’applicazione tradizionale il calore non raggiunge il guscio periferico del corpo, e non si ottiene un riscaldamento completo.

Per l’organismo è problematico che il corpo assorba più calore su tutta la cute, rispetto a quanto ne riesca a rilasciare. Per mantenere costante la temperatura interna, l’organismo deve ridurre il flusso di ritorno del sangue riscaldato nella cute. Sempre più sangue viene inviato nella cute per il raffreddamento e sempre meno sangue è disponibile per il sistema circolatorio centrale. La sollecitazione del sistema cardiocircolatorio aumenta in modo sostanziale.

Se il trattamento viene terminato per tempo, il sangue nella cute si raffredda e gradualmente viene rimesso a disposizione del sistema circolatorio. La temperatura interna corporea rimane su un livello costante.

Se non si termina il trattamento per tempo, l’organismo, per prevenire un collasso del sistema circolatorio, deve recuperare il sangue riscaldato dalla cute. La temperatura interna corporea può salire rapidamente anche raggiungendo il livello della febbre oltre i 38 °C. La febbre artificiale dovrebbe tuttavia essere evitata senza il controllo medico.

Trattamenti riscaldanti

Se si desidera raggiungere un riscaldamento ben tollerabile, non si dovrebbe lavorare contro la naturale termoregolazione del corpo. A tal fine, è necessario un campo termico neutro – l’organismo si trova in equilibrio termico con il suo ambiente e il sangue può fluire senza ostacoli all’interno dell’organismo. Questo tuttavia non è un trattamento termico.

Se tuttavia si introduce calore attraverso un’area cutanea (idealmente la zona lombare) per non oltre il 10 - 12 % circa della superficie cutanea, il sangue termoneutrale (dal 90 % della superficie cutanea) si miscela con il sangue riscaldato (dal 10 - 12 % della superficie cutanea).

Il sistema di allarme all’interno nel corpo con questa quantità di calore non si attiva ancora, l’afflusso del sangue leggermente riscaldato verso l’interno dell’organismo viene ancora consentito. La temperatura interna corporea aumenta dall’inizio in modo lento e continuo.

Attraverso una variazione della circolazione sanguigna, il calore introdotto viene poi ridistribuito gradualmente dall’interno (nucleo) all’esterno (guscio periferico del corpo: muscolatura, tessuto connettivo e tessuto adiposo, ossa, articolazioni, ecc.). In tal modo, viene consentito un riscaldamento beneficio dall’esterno verso l’esterno (con penetrazione in profondità). Si ha un riscaldamento di tutto l’organismo.

Grazie alla circolazione sanguigna più intensa e all’aumento della temperatura, nel tessuto il metabolismo viene stimolato migliorando l’ossigenazione. In combinazione con la sudorazione che si innesca si ottengono effetti che possono essere tradotti con i concetti di “disintossicazione” e “depurazione”.

Questo metodo, come quello che viene utilizzato nelle cabina a infrarossi a bassa temperatura, diversamente dai tradizionali trattamenti del corpo completi come sauna, bagno turco, tradizionale cabina a infrarossi, ecc, ha un’altra finalità che può contribuire ad alleviare soprattutto i disturbi dell’apparato motorio o in relazione ai disturbi del metabolismo .

Mehr erfahren OK
Cookies helfen uns die Website zunehmend zu verbessern und Ihnen den bestmöglichen Service zu bieten. Durch die Nutzung dieser Website erklären Sie sich mit der Verwendung von Cookies einverstanden.